venerdì 9 febbraio 2018

Vito Lettieri

Nato a Ginevra nel 1964, inizia il suo percorso marziale nel 1976, avvicinandosi, anche se in modo discontinuo al Karate. Nel 1978 inizia a praticare in modo costante il Kung Fu sotto la guida di un

Maestro di origini Slave.

Nel 1981 si arruola in Marina, dove come formazione militare inizia la pratica del Judo e del Ju Jitsu e         nel tempo libero dagli impegni della vita militare, continua l’allenamento nel Kung Fu iniziando lo          studio dello stile Chat Long (sette draghi).

Congedatosi dalla marina, nel 1987 inizia la pratica del Ninjiutsu presso l’associazione Bunjinan e successivamente un sistema di Ninjiutsu chiamato Fuma Ryu.

Nel 1990 si reca a Shangai per studiare il Sanda ( kick boxing cinese) e il Shuai Juao (lotta cinese) e nello stesso anno inizia la pratica del Tai Chi stile Wu.

Nel 1991 si reca nuovamente in Cina, questa volta nella provincia dell’Henan , precisamente nel monastero di Shaolin, per conoscere meglio questo leggendario stile di Kung Fu.

Nel 1992 si avvicina per la prima volta alle arti marziali del sud est asiatico e sotto la guida di un maestro filippino inizia la pratica del Kuntaw e dell’Arnis.

Nel 1994 riprende lo studio di stili cinesi, quali l’ Yi Quan  lo Xing Yi e il Wing Tsun. Quest’ultimo affiancava un sistema del sud est asiatico chiamato Escrima, e dopo alcuni anni dedicati a questi sistemi decise definitivamente di dedicarsi allo studio delle discipline marziali del sud est asiatico per migliorare sia il combattimento a mani nude che quello armato, sotto la guida di diversi maestri filippini, praticando differenti stili. La maggior parte di questi sistemi si specializzava di solito in un particolare settore, tralasciando molti altri aspetti importanti, ed è a questo punto che decise di creare un programma di studio dove i vari aspetti si potessero fondere insieme, in modo da focalizzare l’attenzione sui principi e non sulla tecnica. Così nel 2001 fonda  il sistema chiamato Kali  Kalasag.




Fonte: Kalikalasagfederation.com 

Nessun commento:

Posta un commento