mercoledì 4 aprile 2018

Krav Maga in pillole parte 16: la difesa a terra

Per strada le dinamiche di ciò che può sfociare in rissa sono differenti rispetto a quanto avviene in palestra.
Nella strada siamo in uno scenario aperto, con una miriade di variabili, da oggetti di fortuna che potrebbero essere utilizzati come armi da voi, ma anche CONTRO di voi, a persone che potrebbero intervenire a vostro favore, ma anche CONTRO di voi, a eventuali complici dell'aggressore dietro l'angolo.
Per tal ragione, finire al suolo per strada, anche qualora fossimo in una posizione di vantaggio  ( ad esempio sopra all'aggressore che è in balia dei nostri colpi o leve a terra ) rappresenta in realtà un rischio elevatissimo.
La strada non è un ring di MMA e in qualunque momento, proprio mentre siete in vantaggio e avete ragione dell'aggressore, può sopraggiungere un calcio sui denti tirato da una terza persona, o un colpo di bastone alla schiena o peggio.
Per queste ragioni qualora finiste a terra il vostro unico obiettivo dev'essere uno solamente: rimettervi in piedi, in posizione di guardia e guardarvi intorno pronti ad affrontare altre minacce.
Se siete in vantaggio non perdete tempo in azioni da circo e rialzatevi. Se siete in svantaggio divincolatevi, cercate con tutte le vostre forze di colpire le zone vulnerabili e RIMETTETEVI IN PIEDI. Lottate per rimettervi in piedi.
Il Krav Maga non è uno sport con regole e spalle protette come le MMA ma è sopravvivenza in un contesto ben diverso da un ring quale è la strada.
In palestra vi divertite per una medaglia e poi tutti in doccia, in strada il premio in palio è la vita.



Nessun commento:

Posta un commento